chiovatoBACOLI – La vera Sibilla è quella che gioca al Chiovato voluta da Iasaia Della Ragione e dal sindaco di Bacoli? Niente affatto. Almeno è quanto affermano circa 30 tifosi bacolesi che il prossimo 17 novembre si presenteranno come gruppo organizzato preso Villa Scalera. In una lettera inviata alla nostra redazione questo gruppo di appassionati bacolesi riconosce come squadra cittadina quella presieduta da Enzo Carannante, al quale chiedono la cessione del titolo all’imprenditore bacolese Francesco Guardascione

LA LETTERA – “Siamo un gruppo di tifosi della Sibilla, quella vera non quella voluta dal Sindaco, quella che è stata in serie D e che ci ha fatto sognare, che bene sta facendo nel campionato di eccellenza. Scriviamo a tutti i cittadini bacolesi e al presidente Carannante, siamo tifosi della Sibilla che oggi gioca a Monte di Procida solo grazie all’intervento dell’imprenditore Francesco Guardascione, che già in estate ha provato a rilevare la Sibilla e nonostante abbia avuto un rifiuto ha intercesso per far giocare la Sibilla ancora nei Campi Flegrei. Noi speriamo, e chiediamo a Enzo Carannante, che la società venga ceduta a lui che è un ottimo imprenditore ed un uomo sa di calcio. Siamo stufi e tristi di dover vedere giocare la nostra Sibilla lontano da Bacoli. Se il i signor Isaia Della Ragione, Gennaro Capuano e il Sindaco vogliono fare il loro progetto noi non lo riconosciamo come Sibilla”.