piscina-mirabilis1
Adottare i monumenti minori per tutelarli

BACOLI – Affidamento dei siti archeologici cosiddetti “minori” ad associazioni e privati. E’ questa la “ricetta” del Comune di Bacoli per la gestione e il rilancio dei siti presenti sul territorio. L’iniziativa nasce da una convenzione tra l’Ente e la Soprintendenza ai Beni Archeologici che a breve darà vita ad un bando di gara per l’affidamento. L’annuncio è stato dato dall’assessore ai Beni Culturali Flavia Guardascione durante un intervento al convegno “Le risorse archeologiche, architettoniche e paesistiche dei Campi Flegrei”, andato in scena ieri alla Mostra d’Oltremare di Napoli.

DARE SLANCIO ALLO SVILUPPO – «L’amministrazione con questa azione tiene fede al proprio compito istituzionale di valorizzare i beni culturali istituendo un dialogo costruttivo che risolva le criticità e dia uno slancio allo sviluppo di un turismo culturale e di qualità»,- ha spiegato il Sindaco di Bacoli Ermanno Schiano. Altri progetti, finalizzati alla gestione e alla valorizzazione del patrimonio materiale e immateriale, sono in corso con Soprintendenza ai Beni Archeologici di Napoli e le varie Università «Questo è il risultato di mesi di lavoro di condivisione con la Soprintendenza che parte da un’analisi approfondita delle caratteristiche del territorio non solo in termini culturali ma anche sugli aspetti socio-economici. Puntiamo a rilanciare il territorio partendo dalla valorizzazione di ciò che abbiamo ereditato dal passato, dai tesori della nostra città», ha concluso Guadascione.