rapina iovino 3POMPEI – Questa mattina i poliziotti del commissariato di Pompei, insieme ad agenti del commissariato di Torre Annunziata, hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura della custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Torre Annunziata – ufficio GIP nei confronti di Alberto Vezzi, 39enne di Torre Annunziata, e Giovanni Solimeno, 28 enne anch’egli di Torre Annunziata, entrambi con precedenti di polizia e già detenuti presso la casa circondariale di Napoli-Poggioreale e di un terzo soggetto attualmente ricercato. I tre sono responsabili della rapina aggravata perpetrata ai danni della farmacia “Iovino” avvenuta il 13 giugno del 2015 nonché di diversi furti di autovetture.

I FATTI – per i quali è stata emessa l’ordinanza di custodia cautelare in carcere è l’epilogo di una complessa indagine che ha già condotto alla emissione di due ordinanze applicative di misure cautelari nei confronti di Vezzi e di Solimeno. Lo scorso 26 giugno il GIP del Tribunale di Torre Annunziata ha convalidato l’arresto di Vezzi e Solimeno, applicando ad entrambi la custodia cautelare in carcere in merito ad una rapina pluriaggravata commessa in Torre Annunziata il 23 giugno 2015 ai danni della farmacia “Matacchione”.

LE INDAGINI – scattate immediatamente hanno accertato la responsabilità della coppia di rapinatori anche in merito ad una rapina commessa in data 22 giugno ai danni del “Minimarket Ruggiero” sempre in Torre Annunziata, per questi ultimi fatti a carico dei due uomini era stata emessa in data 8 luglio un’ulteriore ordinanza applicativa della custodia cautelare in carcere. I poliziotti grazie alle certosine indagini hanno ricostruito anche la rapina perpetrata ai danni della farmacia “Iovino”, nonché la commissione di alcuni furti di autovetture. Il giorno prima della rapina i tre avevano rubato un fiat uno da utilizzare per commettere la rapina ma l’auto veviva rinvenuta e riconsegnata al proprietario. L’imprevisto non aveva scoraggiato gli indagati; uno dei tre, impugnando la pistola fornitagli da Vezzi e indossando una tuta ed altri indumenti atti a nascondere il viso, aveva rapinato il titolare della farmacia “Iovino” portando via 1200 euro ed esplodendo durante la fuga alcuni colpi d’arma da fuoco. Il terzo uomo è attualmente ricercato.