pronto_soccorsoPOZZUOLI – Aggressioni, insulti e minacce: è caos al pronto soccorso di Pozzuoli dove medici, infermieri e guardie giurate sono in balia degli incivili. Nell’ultima settimana tre gravi episodi hanno fatto scattare l’allarme sulla sicurezza del personale impegnato nel nosocomio flegreo: un infermiere preso a schiaffi, un principio di rissa e l’aggressione a un medico.

MEDICO AGGREDITO – L’ultimo grave episodio al “Santa Maria delle Grazie” di Pozzuoli si è verificato ieri: la vittima è un medico che in seguito a un’aggressione subita da un familiare di un paziente ha riportato la lesione a un dito di una mano. Il ferimento è avvenuto in seguito a una discussione tra i familiari di un paziente e il medico con quest’ultimo che ha riportato una lesione a un pollice.

PRINCIPIO DI RISSA – Episodio arrivato 72 ore dopo l’intervento della Polizia che domenica pomeriggio era stata chiamata per un principio di aggressione. A scatenare l’ingiustificata rabbia da parte dei parenti di un assistito al pronto soccorso, l’attesa per gli esami al reparto di radiologia. Insulti e minacce rivolte verso medici, infermieri e l’unica guardia giurata presente in tutta la struttura ospedaliera che hanno reso necessario l’intervento degli agenti del Commissariato di Polizia di Pozzuoli per riportare la calma.

INFERMIERE PRESO A SCHIAFFI – Una lista nera di eventi che annovera anche l’aggressione ai danni di un infermiere preso a schiaffi all’interno del nosocomio flegreo. L’episodio è avvenuto la settimana scorsa: l’uomo, sempre per motivi legati alle attese e alla contestazione dei codici di intervento attribuiti dai sanitari, è stato schiaffeggiato da un paziente.

PROBLEMA SICUREZZA – Episodi che accendono i riflettori sulla sicurezza all’interno del pronto soccorso dell’ospedale flegreo dove di notte è impiegata solo una guardia giurata mentre durante la giornata sono tre (in totale) gli uomini del servizio di vigilanza (uno impiegato all’ingresso dell’ospedale fino alle 20 e un altro al parcheggio).