QUARTO – Nuovo raid nelle ville confiscate al clan Polverino a Quarto. La scoperta è stata fatta questa mattina, alla ripresa delle attività di ristrutturazione delle 3 ville confiscate al clan Polverino-Perrone e affidate dal Comune di Quarto con bando pubblico ad una Ats di cooperative sociali. A notare i segni di scasso è stato il rappresentante della Coop che ha scoperto i segni di scasso sulla porta del garage che dà all’interno della villa dove all’interno qualcuno ha rovistato tra faldoni e libri e utilizzato la palestra dell’ex boss.

LA CONDANNA – «Un misterioso raid. -afferma il sindaco Antonio Sabino- Inquieta non poco, infatti, che qualcuno sia entrato forzando la porta che dal garage accede all’interno della mega villa e poi, salendo le scale, è entrato nella stanza dove sono custoditi alcuni faldoni e libri e ha rovistato in cerca di qualcosa. Così come inquieta che, secondo quanto denunciato ai carabinieri dal rappresentante della Coop che gestisce il bene, qualcuno avrebbe anche usato la palestra che l’ex boss dei Polverino aveva attrezzato nella sua abitazione. Sarà la magistratura e le forze dell’ordine a fare chiarezza su questo strano raid, ma il nostro impegno per la legalità e la lotta alla camorra non arretra di un millimetro».