POZZUOLI – Dopo le polemiche in consiglio comunale e le parole -da più parti definite “poco felici”- del sindaco Vincenzo Figliolia, non si è fatta attendere la risposta da parte delle associazioni cittadine. Questo pomeriggio, ad Arco Felice, è stato affisso uno striscione che recita: «Sindaco se la cultura è un sopruso, il tuo potere è un abuso».

LE OFFESE – Oltre al pensiero “figlioliano” sulla realizzazione di una scuola nell’ex convitto Monachelle, il sindaco non ha risparmiato parole al vetriolo nei confronti del consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Antonio Caso accusandolo di “disonestà intellettuale”, di “illudere le persone” e di fare “strumentalizzazione” invitandolo a “studiare e a capire”. A sua volta Caso ha risposto ricordando, ironicamente, le vicende che hanno accompagnato il passato del primo cittadino, dallo scioglimento per infiltrazione camorristica all’indagine che lo vede indagato per turbativa d’asta nella realizzazione del mercato ittico di Pozzuoli. Un botta e risposta che proponiamo nel video che segue: