POZZUOLI – La variante inglese sembra aver preso piede anche in città, determinando un peggioramento generale del quadro pandemico. I nuovi casi registrati negli ultimi 7 giorni sono 171, in aumento del 57% rispetto ai 109 della settimana precedente. In crescita anche il tasso di positività settimanale che passa dal 7,1% al 9,7%, un dato superiore al 6,3% nazionale ma inferiore all’ 11,3% regionale. Per il momento gli ospedalizzati restano 4, ma si è in attesa di aggiornamenti da parte dell’Asl Na 2. Il tasso d’incidenza settimanale (nuovi positivi per 100mila abitanti) è in decisa crescita, passando da 136 a 213, ma questa settimana sono stati effettuati circa 250 tamponi in più. Le “guarigioni” sono state 84 e si registra purtroppo una nuova vittima che porta a 51 il numero totale dei decessi.

I NUMERI – Da inizio pandemia, il numero dei casi Covid19 in città è stato pari a 3.963, circa il 4,9% della popolazione. Gli “attualmente positivi”, in aumento, sono 469, la quasi totalità dei quali è in isolamento domiciliare fiduciario con pochi o nessun sintomo. Sono 4 i cittadini ospedalizzati, ma il dato è in aggiornamento. Purtroppo, da marzo 2020 ad oggi sono 51 i puteolani deceduti, di cui 38 nella “seconda ondata”. Il numero totale dei dimessi/guariti ha raggiunto quota 3.443.

LA TENDENZA – Nel mese di febbraio i contagiati sono stati 450, contro i 585 di gennaio, i 444 di dicembre, i 1.583 di novembre e i 529 di ottobre. Nei primi 6 giorni di marzo ne sono stati già rilevati 138. Negli ultimi 7 giorni sono stati registrati 171 nuovi casi, contro i 109, 89, 120 e 121 delle 4 settimane precedenti. Prosegue la tendenza al rialzo del tasso di positività che raggiunge “quota” 9,6%, contro il 7,1% e il 6,1% delle 2 settimane precedenti. Per capire se le restrizioni della zona arancione hanno prodotto degli effetti benefici bisognerà attendere ancora un po’. Intanto da stanotte tutta la regione entrerà in zona rossa.