POZZUOLI – La piena ha fatto crollare l’alveo dei Camaldoli per un tratto di circa 50 metri. La polizia municipale, i vigili del fuoco, i tecnici comunali di Giugliano e quelli del Genio civile regionale, cui competono gli interventi sul canale, stanno monitorando la situazione. In arrivo anche le autocolonne della Protezione civile regionale. «Ci sono alcune famiglie, residenti in un parco adiacente, che sono state fatte allontanare dalle proprie case. Si attende l’esito dei controlli in atto per decidere se possano rientrare nelle case o debbano essere collocati in alberghi della zona», ha dichiarato il sindaco di Giugliano, Antonio Poziello.

TECNICI E VIGILI DEL FUOCO SUL POSTO – Da ore si sta procedendo con un intervento d’urgenza per ripristinare la sponda ceduta dell’alveo dei Camaldoli, lato Varcaturo. I tecnici del Genio civile regionale sono infatti al lavoro per far fronte ai tanti problemi causati dall’esondazione del canale. Le autopompe sono in azione per liberare gli appartamenti dall’acqua. Restano i disagi per i residenti del Parco Verde: sono circa 60 le famiglie che rischiano di non poter far ritorno nelle rispettive quattro mura.

GLI AGGIORNAMENTI – Le famiglie residenti nel Parco Verde hanno preferito non essere collocate in albergo. Il Comune di Giugliano distribuirà acqua ed altri generi di conforto. Per la notte è stato organizzato un piantonamento da parte dei carabinieri e degli agenti della polizia municipale.