telepass-grande-fratello-645QUARTO – Dopo i primi giorni di rodaggio, l’impianto di videosorveglianza installato a via Campana è entrato a regime. Una telecamera “osserverà” i movimenti delle auto nei pressi dell’impianto semaforico temporaneo installato lì dove oltre sei mesi fa si verificò un cedimento della strada.

viacampanaOBIEZIONI RESPINTE – Dopo l’istituzione del senso unico di marcia alternato, in tantissimi – soprattutto residenti nella zona – hanno lamentato comportamenti da “furbetti” di diversi automobilisti. Una “pratica” piuttosto diffusa, quella di non attendere il segnale di via libera dato dal semaforo, creando non pochi pericoli agli altri utenti della strada. Dopo l’installazione della telecamera, sono state molte le persone che hanno sollevato dubbi sulla “liceità” di tale strumento. Che, così come fa sapere la Polizia Municipale, non ha nulla a che fare i così detti “autovelox”, impianti capaci di segnalare le infrazioni in maniera automatica, avviando autonomamente l’iter per la contestazione al diretto interessato. La telecamera montata in via Campana non è nulla di tutto questo e non necessita dunque di “placet” da parte delle autorità competenti.

MULTE SALATE E VIA I PUNTI DALLA PATENTE – Si tratta in realtà di una semplice “estensione” tecnologica della vista dei caschi bianchi, autorizzati in tal senso da una delibera  del 2015 firmata dall’allora commissione straordinaria. Un documento in tema di rifiuti, ma che contiene al suo interno un chiaro riferimento all’utilizzo di “sistemi di videosorveglianza in dotazione sia fissi che mobili”. Dunque, da oggi vita più difficile per i furbetti del semaforo. Dovranno anch’essi attendere l’accensione della luce verde per non finire nel raggio d’azione della telecamera. A meno che non desiderino ricevere a casa una multa da 200 euro e ben sei punti in meno sulla patente.