QUARTO – Alla fine è arrivato lo stop all’installazione dell’antenna 5G a via Cocci, dopo non poche polemiche e la sollevazione dei residenti della zona. Il sindaco Antonio Sabino ha firmato un’ordinanza contingibile e urgente con la quale ha sospeso i lavori in attesa dei riscontri dell’Arpac riguardo l’eventuale pericolosità delle onde elettromagnetiche.

LE RICHIESTE DI CHIARIMENTI – Una prima richiesta all’Agenzia era stata avanzata nel maggio scorso, poi reiterata la scorsa settimana, ma ancora senza esito. Gli stessi residenti avevano chiesto una verifica al Comune già a partire da marzo, nonché a maggio. Come detto, non sono mancate le polemiche, soprattutto in consiglio comunale. Nelle scorse settimane, infatti, era stata votata all’unanimità una mozione presentata dall’opposizione che di fatto bloccava l’installazione di antenne 5G in attesa di conoscere gli i reali effetti che questa tecnologia abbiano sull’uomo.

LE POLEMICHE – Eppure, nonostante l’impegno formale ad astenersi dal dare il placet alle nuove installazioni, gli operai si erano presentati in via Cocci, scatenando la rabbia degli abitanti con tanto di intervento dei carabinieri. E in aula non erano mancate le accuse di immobilismo rivolte all’amministrazione. Ora, con l’ordinanza firmata mercoledì dal primo cittadino, si è ufficialmente decretato lo stop ai lavori.