Una scena di "Uomini sull'orlo di una crisi di nervi"

POZZUOLI – È ormai entrata nel vivo la prima rassegna teatrale a Pozzuoli “Tra mito e teatro”. Finora sono andate in scena tre delle quattro commedie in concorso e già si è potuto constatare l’altissimo livello delle compagnie selezionate dai padroni di casa Vulimm’ Vulà. Tre commedie, quelle inscenate fino ad oggi, appartenenti a tre generi totalmente diversi ma di egual eccelso valore. Si è iniziato con un classico del teatro napoletano “Uomo e Galantuomo”, farsa del maestro Eduardo De Filippo magistralmente interpretata dalla compagnia napoletana la Rosa dei 20. La settimana successiva al Sant’ Artema è poi andata in scena il genere della “commedia dell’arte” con la compagnia di Sala Consolina “La Cantina delle Arti” con Pulcinella a Colori, uno straordinario omaggio ad Antonio Petito. Il sabato successivo ancora un cambio di genere con “Uomini sull’orlo di una crisi di nervi”, inscenata da i “Tra Palco e realtà di Portici”. Il livello espresso fino ad oggi è stato altissimo con gli spettatori accorsi al Sant’ Artema che sono sempre andati via più che soddisfatti.

SI RIPRENDE IL 14 – Ora piccola pausa pasquale per riprendere poi sabato con la compagnia di Bisceglie “La compagnia dei teatranti” che metterà in scena “Il mistero dell’assassinio misterioso”; domenica 15 poi ci sarà la serata della premiazione e della rappresentazione, fuori concorso, dei padroni di casa con l’affascinante testo di Annibale Ruccello “Ferdinando. Teatro e non solo infatti il festival organizzato dai “Vulimm Vulà” è anche promozione del territorio. Tutte le domeniche mattina, infatti, le compagnie invitate vengono accompagnate dall’associazione Medea in un breve tour della città.

SODDISFATTI GLI ORGANIZZATORI – La soddisfazione di Gennaro Saturnino, presidente dei “Vulimm Vulà”, è doppia “Non possiamo che essere soddisfatti per come stanno andando le cose, il livello delle interpretazioni è alto, il pubblico sta rispondendo bene e soprattutto riceviamo sempre i complimenti dalle compagnie che restano impressionati dalla bellezza della nostra Pozzuoli e qui non posso che fare un complimento alla Medea che accompagna i nostri ospiti in un tour davvero gradevole”. Bilancio positivo quindi per questa prima edizione del festival che con questi presupposti non può che ben guardare al futuro.

ANGELO GRECO