POZZUOLI – Ci sarebbe un sorpasso azzardato alla base del tragico incidente costato la vita ad Alessandro Morvillo, 22 anni, giovane residente nel quartiere di Monterusciello. E’ quanto sembra emergere dalla visione delle telecamere di sorveglianza installate nei pressi del luogo dello schianto in via Campiglione. Tre le vetture coinvolte e due le persone che sono rimaste ferite in maniera non grave nel violento impatto: l’anziano conducente di una Skoda station wagon e un uomo che era alla guida di una Nissan Qashqai.

LA VITTIMA – La tragedia è avvenuta intorno alle 10.30, a poche decine di metri dall’ingresso del tunnel “Monte Corvara”. Alessandro Morvillo era alla guida della sua Fiat Punto, e viaggiava in direzione Pozzuoli, quando si è scontrato frontalmente con la Skoda. Inutili sono stati i soccorsi: il corpo senza vita del giovane è rimasto incastrato tra le lamiere dell’abitacolo e per estrarlo è stato necessario l’intervento dei vigili del fuoco che hanno dovuto tagliare in due parti la vettura.

LE INDAGINI – I rilievi sono stati eseguiti dagli agenti della Polizia Municipale di Pozzuoli – diretti dal maggiore Silvia Mignone – che oltre a sentire i testimoni hanno acquisito le immagini delle telecamere del vicino distributore di benzina che avrebbero dato una svolta immediata alle indagini. Adesso resta da capire cosa ha provocato lo schianto frontale tra la Fiat e la Skoda con il coinvolgimento della terza auto.

SALMA SEQUESTRATA – Intanto, come da prassi, la salma del 22enne è stata sottoposta a sequestro da parte del Magistrato di turno e trasferita presso il centro di medicina legale del Secondo Policlinico di Napoli dove nelle prossime 48 ore sarà effettuata l’autopsia che servirà a fare ulteriore luce sul decesso.