POZZUOLI – Ci risiamo. Ancora una volta l’aria di Licola è infestata dalla puzza insopportabile proveniente dai depuratori di Cuma-Licola. Un misto di puzza di fogna, letame, di “morto” -come ha detto qualche residente- continua a rendere l’aria irrespirabile. Ieri e l’altro ieri, a partire dal tardo pomeriggio, miasmi hanno costretto residenti e automobilisti a tapparsi il naso. Una puzza che da due giorni sta infestando in particolare l’intera zona di Licola Borgo, la via Domitiana fino a via Madonna del Pantano e via Trepiccioni. Altro che investimenti, ammodernamento, impianto all’avanguardia e le belle parole che da anni arrivano durante le “passerelle” di politici e istituzioni: il depuratore di Cuma continua ad essere una bomba ecologica, un impianto che rende invivibile una vasta porzione del territorio puteolano. «C’è una tale puzza che ti prende lo stomaco, che fa quasi venire il vomito talmente che è forte, acida. Non si può sopportare» racconta un residente di Licola Borgo dove, a pochi passi dal “mostro”, sorgono anche due scuole.