POZZUOLI – A Pozzuoli le attività di anestesia e rianimazione assumono un volto umano grazie anche ad una rapida e importante ristrutturazione del reparto di Terapia Intensiva; i nuovi ambienti di oltre 700 metri quadrati – realizzati in meno di sei mesi con un budget di circa 270.000 euro – assicurano più sicurezza nelle cure, prevedono un posto letto per garantire privacy ai pazienti coscienti e la compagnia di un familiare, sono attrezzati con una sala sterile per le manovre invasive su pazienti del territorio: pazienti oncologici, tracheostomizzati. Inoltre, a Pozzuoli, da poche settimane è stato attivato il protocollo operativo che permette di garantire il parto senza dolore alle donne che si sottopongo al parto naturale.

ANESTESIA E RIANIMAZIONE – Questa rivoluzione prende il via lo scorso maggio con la nomina a primario della Terapia Intensiva del Santa Maria delle Grazie di Francesco Diurno, anestesista proveniente dall’Asl di Caserta presso cui ricopriva un incarico analogo presso l’ospedale di Aversa. «L’ospedale di Pozzuoli è in forte crescita grazie agli investimenti in professionalità e tecnologie. Come anestesisti dobbiamo accompagnare questa evoluzione, valorizzando le nostre specificità professionali – gestione dei tempi operatori, gestione del dolore, gestione del paziente in area critica – e aprendo il reparto ai pazienti provenienti dal territorio. Si tratta di un percorso lungo che, tuttavia, stiamo compiendo con grande velocità», dice Francesco Diurno, primario di Anestesia e Rianimazione del Santa Maria delle Grazie e Direttore del Dipartimento dell’Emergenza e dell’Area Critica dell’ASL Napoli 2 Nord. Sono 27 gli anestesisti del Santa Maria delle Grazie che assicurano la presenza in sala operatoria tutti i giorni dell’anno su 24 ore per le attività operatorie di emergenza, mentre nell’arco dei dodici mesi sono impegnati per circa 12.000 ore/anno (circa 500 giorni) per gli interventi chirurgici programmati sia presso il blocco operatorio della neurochirurgia che in quello destinato a tutte le altre branche chirurgiche.

ANALGESIA PER LE PARTORIENTI – I posti letto complessivamente presenti nel nuovo reparto sono otto di degenza ordinaria ed uno dedicato al day hospital per le cure palliative; presso il reparto di Neurochirurgia, invece, sono attivi altri tre posti letto di terapia intensiva. «La crescita dell’attività chirurgica del Santa Maria delle Grazie e l’attivazione di alcuni servizi fondamentali come il “parto senza dolore” sono stati permessi da una complessiva riorganizzazione delle attività di Anestesia e Rianimazione. La struttura del nuovo reparto, le nuove tecnologie e il nuovo modello organizzativo faranno crescere ulteriormente il servizio, così da assicurare ai nostri pazienti benefici significativi e tangibili. Ringrazio tutta l’equipe del dottore Diurno per il lavoro che sta compiendo», dichiara Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’ASL Napoli 2 Nord. Dallo scorso gennaio a Pozzuoli è stato attivato il servizio di partoanalgesia. Un anestesista – quando richiesto e qualora non vi siano controindicazioni cliniche – effettua un’analgesia epidurale che permette di ridurre i dolori del parto, senza far perdere alla donna la sensibilità alle contrazioni. Tale servizio, ora garantito per 12 ore al giorno, sarà assicurato prossimamente sulle 24 ore ed è sempre a titolo gratuito per le partorienti.