Vetrella
L’assessore regionale ai Trasporti, Sergio Vetrella in visita ad un convoglio

CAMPI FLEGREI – Sono 13 i treni Eav della Cumana e Circumflegrea sottoposti ad ammodernamento e che sostituiranno i vecchi convogli. I lavori dei treni della serie ET400, finanziati dalla Regione con 15,7 milioni di euro di fondi europei e altri disponibili e assegnati al Consorzio campano CPF in seguito a gara europea, hanno comportato la revisione generale di tutti i componenti ed apparecchiature meccaniche, pneumatiche, elettriche ed  elettroniche, garantendo un miglioramento dell’affidabilità della marcia, del comfort e della sicurezza, nonché incrementando la disponibilità di elettrotreni per assicurare al meglio i servizi.

ENTRO AGOSTO 2016 – A controllare i lavori l’assessore regionale ai Trasporti Sergio Vetrella, accompagnato dal direttore generale dell’Eav, Valeria Casizzone, che è salito a bordo del terzo dei 13 treni Eav sottoposti a “revamping” (ammodernamento), verificando i risultati del completo rinnovamento. I primi tre treni ‘revampizzati’ sono già in esercizio sulle linee della ex Sepsa, mentre altri sei sono in lavorazione, con consegna da parte della ditta appaltatrice prevista con cadenza bimestrale entro il 2015. Il termine dei lavori per i restanti quattro convogli è fissato per la fine del mese di agosto 2016.

NUOVE TECNOLOGIE – Oltre alle lavorazioni di revisione generale, sono stati installati nuovi impianti che conseguono l’obiettivo di aggiornare le tecnologie di bordo: nuovo sistema di trasformazione dell’energia elettrica a bordo per l’alimentazione dei circuiti ausiliari del veicolo, con l’installazione di nuovi gruppi statici; impianto di condizionamento comparti passeggeri, che garantisce nei periodi estivi temperature più confortevoli e nel periodo invernale la ventilazione per un ricambio d’aria; impianto di informazione ai passeggeri PIS (Passenger Information System), in grado di dare informazioni sul percorso che si sta seguendo, nonché di visualizzare sui monitor di comparto palinsesti con indicazioni  turistiche e pubblicitarie anche riferite al punto preciso che sta percorrendo il convoglio. Impianto di videosorveglianza nei comparti viaggiatori con l’utilizzo di: telecamere ad alta risoluzione che trasmettono le immagini sui monitor di comparto al fine di incrementare la funzione deterrente che la videosorveglianza svolge nei confronti dei potenziali atti vandalici e di violenza a bordo; videoregistratore per la memorizzazione delle stesse immagini per un successivo riscontro dell’evento;  scaricamento delle immagini in tempo reale in corrispondenza degli access point per il collegamento alla rete informatica aziendale.