La nave della Warner Bross nelle acque di Baia

BACOLI – Si chiama “Itasca” il mega yacht della Warner Bros ormeggiato a largo del porto di Baia da diversi giorni. Lungo circa 52 metri, raggiunge i 12 nodi con due motori Man da 1.250 cavalli ciascuno, stazza 920 tonnellate e dispone di sistemazioni interne confortevoli ma con arredamento minimalista, in grado di accogliere 10 ospiti e 12 membri di equipaggio. Ha in dotazione un elicottero. Può navigare per 16 mila miglia senza fare rifornimento. L’attuale proprietario della mega imbarcazione è la Warner Bros che in questi giorni, proprio nei Campi Flegrei, sta girando il film “The man from U.N.C.L.E.” che ha tra i protagonisti Hugh Grant. Una spy story ambientata tra Inghilterra e l’Italia negli anni Sessanta. Tra le location scelte dalla produzione, la spiaggia di Villa Ferretti, il Castello di Baia e il tunnel di Capo Miseno. Siti che saranno completamente inaccessibili durante le riprese del film.

UNA LUNGA STORIA – Itasca ha una storia lunga quarant’ anni, decisamente affascinante. Fu infatti varato nel 1961 dal cantiere olandese J. & K. Smits ed era un rimorchiatore d’alto mare. Poi, agli inizi degli anni Ottanta, venne acquistato da un banchiere americano che la fece trasformare in yacht. Ma la parte più significativa della sua lunga carriera iniziò nel 1994, quando “Itasca” fu comprato da un politico, William E. Simon, che ricoprì la carica di segretario di Stato al Tesoro dal 1974 al 1977 durante la presidenza Nixon. Fu lui a dargli caratteristiche da rompighiaccio in un cantiere di Seattle e a rifare gli interni. Il 5 agosto del 1994 Simon mollò gli ormeggi per tentare un’impresa epica: forzare il passaggio a Nord-Ovest dal Pacifico all’ Atlantico, percorrendo la rotta polare che venne scoperta nel 1906 dall’esploratore norvegese Roald Amundsen. Venti giorni dopo aver lasciato Port Clarence in Alaska, “Itasca” era in acque libere davanti alla Groenlandia. Dopo mille vicissitudini, risolte anche con l’ aiuto di un rompighiaccio canadese, era passato.

YACHT DA RECORD – Suo il record di primo yacht privato che passava da Ovest a Est in una sola stagione. Itasca fu acquistato dal noto imprenditore ed editore torinese Carlo De Benedetti per circa 20 miliardi di lire nel 1998. L’imprenditore ha  navigato con Itasca, in giro per il mondo, per otto anni, almeno 90 giorni l’anno esplorandolo con i suoi amici nel massimo comfort. Nel 2006 De Benedetti lo ha venduto perché appassionato di vela e secondo il suo punto di vista, “vivere il mare a vela è molto più affascinante che viverlo con una barca a motore”.

ANTONIO IMPARATO

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]