Il 45enne è stato arrestato dalla Polizia dopo aver picchiato moglie e figli

NAPOLI – Da tempo continuava a picchiare moglie e i figli di 14 e 16 anni nonostante le numerose denunce sporte della donna. Gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli hanno tratto in arresto V.F., napoletano, classe ’68, responsabile di maltrattamenti in famiglia e lesioni nei confronti della moglie e dei suoi due figli. Erano da poco passate le 21 di ieri sera (mercoledì 30 ottobre) quando una volante si è recata in via Carmignani per una richiesta di aiuto da parte di una donna, aggredita dal marito.

 

LA DISPERATA RICHIESTA DI AIUTO – All’arrivo della pattuglia della Polizia è stato proprio V.F. – in un primo momento apparentemente tranquillo – ad andare incontro agli agenti, mentre la moglie e i due figli, una ragazza di 16 anni e un ragazzo di 14, provenienti dalla cucina, in evidentissimo stato di agitazione, invitavano gli agenti ad avvicinarsi a loro. La donna ha raccontato ai poliziotti che lei e i due figli erano stati aggrediti e malmenati dall’uomo per l’ennesima volta, nonostante le pregresse denunce sporte dalla donna per le varie aggressioni subite, da ultimo a luglio e agosto scorsi.

 

L’AGGRESSIONE – A quel punto il 45enne ha cambiato atteggiamento e, nonostante la presenza dei poliziotti ha iniziato ad inveire contro i familiari, sferrando anche un calcio ad un televisore, riducendolo in frantumi. Pochi istanti e i poliziotti lo hanno bloccato e arrestato. La donna e i due ragazzi sono stati medicati al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco con prognosi di 10, 5 e 7 giorni, mentre per V.F. si sono aperte le porte del carcere di Poggioreale.