Cassonetti svuotati e rifiuti raccolti stamattina nel Rione Toiano

POZZUOLI –  150 tonnellate di rifiuti raccolti in tre giorni. Questa la cifra del conferimento straordinario, concesso a Pozzuoli, che ha potuto sversare 50 tonnellate al giorno presso lo STIR di Avellino. Un piccola goccia, meno di un decimo dei rifiuti che invadono le strade puteolane, che secondo le stime ammonterebbero a oltre 1700 tonnellate, quasi il doppio di quelle che attualmente invadono le strade di Napoli.

RIPULITE ALCUNE ZONE, ALTRE ANCORA INVASE – Questi sversamenti speciali sono stati ad appannaggio del Rione Toiano, nel quale sono stati rimossi  due enormi cumuli che contenevano l’immondizia dell’intero quartiere. Le operazioni di questa mattina hanno contribuito a portare un po’ si sollievo a Via Campana e Via Napoli, non del tutte ripulite ma comunque alleggerite dalla morsa delle ultime ore. Restano critiche le situazioni di Monterusciello, dove alcuni cumuli hanno raggiunto dimensioni di vere e proprie discariche, al Rione Gescal e a Licola Mare dove nella mattinata di oggi si sono registrate proteste e manifestazioni da parte di residenti disperati.

I camion dei rifiuti

SITUAZIONE SEMPRE PIU’ GRAVE – Dalla “De Vizia” nei giorni scorsi è arrivata la notizia che “con conferimenti di 50 tonnellate al giorno ci vorrà oltre un mese per ripulire la città”, figuriamoci ora che i conferimenti speciali sono terminati. La soluzione è lontana e in questo momento per “sollevare” Pozzuoli ci possono essere solo due cose: o si inizia un reale potenziamento della differenziata “porta a porta”, sulla scia di come già si effettua in un piccola parte della città (meno di un decimo dei residenti ne sono coinvolti), oppure bisogna aspettare che siano altre città ad organizzarsi, Napoli in testa, in modo che si liberino conferimenti negli STIR.

ANGELO GRECO
angelogreco@cronacaflegrea.it