QUARTO – Ci sono voluti oltre tre anni, ma ora l’attesa sembra essere terminata. Lo smottamento che si registrò il 15 ottobre del 2015 in via Campana, lungo il tratto in salita conosciuto come “il castello”, potrà finalmente essere risolto. Così come il restringimento della carreggiata, che da tempo rallenta – seppur in maniera non grave – il traffico nella importantissima arteria.

IL FINANZIAMENTO – Occorreranno 350mila euro, soldi “trovati” grazie a quanto previsto da un decreto interministeriale (Interno e Economia e delle Finanze) della scorsa primavera e preso al balzo dall’allora commissario straordinario Demetrio Martino su proposta del settore Lavori Pubblici del Comune. I lavori sono stati affidati in via provvisoria alla ditta Zeta Srl di Quarto.

DISAGI E SOLUZIONI TAMPONE – Immediatamente dopo lo smottamento, si decise di rendere il tratto di strada a senso unico alternato, con tanto di semaforo che ne regolasse il traffico. Venne anche installata una telecamera a circuito chiuso per “pizzicare” i furbetti, occhio elettronico che poi venne anche portato via da ignoti. Soltanto dopo lungo tempo, e grazie alla pulizia del ciglio interno della strada, venne reintrodotto il doppio senso di circolazione. Dunque, a breve inizieranno i lavori per il ripristino del costone venuto giù dopo un’intensa pioggia e in attesa di sistemazione da oltre mille giorni.