MUGNANO – I Carabinieri Forestali del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale e Agroalimentare, durante un servizio per verifiche alla filiera agroalimentare per la sicurezza, tracciabilità, etichettatura e l’import-export di prodotti ittici, hanno ispezionato un deposito a Mugnano accertando che in un capannone si commercializzavano prodotti ittici privi di tracciabilità. All’interno di celle frigorifere sono state rinvenute 125 casse aperte di polistirolo del peso di 5 kg: l’una contenenti pesce fresco refrigerato (orate) e 121 scatole di polistirolo di pesce fresco refrigerato (spigole). Esaminando la documentazione è emerso che i prodotti ittici erano senza tracciabilità e solo in minima parte riconducibili a fatture emesse in Grecia. Sequestrati 11 quintali di pesce fresco refrigerato e sigillate le celle frigo. Comminate sanzioni per 34.500 euro per violazioni alle norme sulla rintracciabilità-tracciabilità degli alimenti e per assenza di autorizzazione sanitaria per “Bollo CE2.