POZZUOLI – «Sono Paolo Palmiero, il segretario dell’associazione onlus San Martino, ed abito in via Provinciale Pianura. Volevo segnalare che ieri, alle 13.50, ho contattato il 118 che mi ha risposto dopo 20 minuti di attesa ed ho spiegato che da qualche giorno c’è un senza tetto che dorme in strada all’altezza del civico 37 della predetta via. Ho spiegato che la persona di mezza età fino a qualche giorno prima era tranquilla tanto che noi della zona gli portavamo cibo e coperte. Ho spiegato all’operatore che la situazione da ieri mattina era cambiata tanto che la persona era diventata violenta con tutti i passanti ed addirittura faceva azioni di autolesionismo battendo la testa contro un palo della luce. L’operatrice si è segnata il mio numero riferendo che avrebbe inviato un ambulanza. Mi premunivo di riferire di fare anche attenzione perché mangiando sul posto poteva avere anche qualche coltello e quindi gli riferivo di fare attenzione. Staccata la chiamata con il 118 allertavo i carabinieri di Pozzuoli sempre per la stessa problematica riferendo anche a loro di fare attenzione. Alle 20:03, constatato che nulla era cambiato, ricontattavo il 112 che mi dirottava la chiamata alla polizia municipale di Pozzuoli, che a loro volta riferivano di intervenire. A tutt’oggi nulla è cambiato la persona è sempre li, anche sotto la pioggia e senza alcun riparo, e sicuramente avrà bisogno di cure psichiatriche perché la sua violenza è ancora aumentata. Spero che con un vostro articolo si riesca a risolvere questo problema che vede una persona fragile ed indifesa abbandonata da tutte le istituzioni. Ovviamente quanto riferito è tutto documentabile perché ho fatto queste segnalazioni da questa utenza telefonica a me intestata. Le invio foto della povera persona.»