QUARTO – Si svolgerà il prossimo 6 dicembre la cerimonia di consegna della villa – una volta appartenente all’ex ras del clan Polverino, Roberto Perrone – all’associazione temporanea di scopo formata da Albergo Diverso e dalla cooperativa sociale Themis.

IL PROGETTO SOCIALE – Qui verrà portato avanti un progetto riguardante il così detto “dopo di noi”, e cioè l’assistenza a giovani affetti da patologie gravi, ma senza più i loro cari a potersene occupare. Dunque, a 12 anni dal sequestro e a 6 dalla confisca definitiva, la struttura avrà finalmente una nuova destinazione. Come detto, il bene apparteneva una volta a Roberto Perrone, a lungo braccio destro del boss Giuseppe Polverino. Dopo l’ultimo arresto, avvenuto nel maggio del 2011, Perrone decise poi di collaborare con la giustizia.

CLAN SMANTELLATO – Nel tempo le sue dichiarazioni hanno permesso di portare avanti nuove indagini da parte dell’Antimafia di Napoli. E a fare luce anche su fatti di sangue avvenuti oltre 20 anni fa, riguardanti anche anche altre organizzazioni. Come ad esempio il clan Longobardi-Beneduce, disarticolato da arresti e condanne proprio come quello dei Polverino.