QUARTO – Urla, schiamazzi e musica ad alto volume. Questo il copione indesiderato proposto ogni notte ai residenti di Corso Italia a Quarto. Una zona vittima di un vero e proprio teatro di malcostume. Le famiglie del posto da tempo segnalano alle autorità preposte l’impossibilità di vivere serenamente. Sotto i riflettori, soprattutto, la mancata quiete notturna. «I ragazzi, alle tre del mattino su Corso Italia e con lo stereo delle macchine accese, organizzano una discoteca a cielo aperto e urlano e cantano fino alle 4», racconta una cittadina. Tra i residenti c’è pure chi ha allertato i carabinieri.

LE LAMENTELE – Il sonno, soprattutto durante il fine settimana, sembra un miraggio per le famiglie della zona. Il boom si verifica soprattutto durante la stagione estiva quando la movida selvaggia raggiunge l’apice. Ma anche in queste giornate la situazione non sembra affatto migliorare per le famiglie del posto. Crescono infatti le lamentele di chi vive lungo l’arteria centrale di Corso Italia a Quarto: in tanti invocano un maggiore rispetto delle regole.