pacco_alimentareQUARTO – Due importanti iniziative a favore dei meno fortunati, entrambe partite dall’assessorato alle Politiche Sociali. La prima riguarda la possibilità di frequentare il centro polifunzionale riservato ai minori “Il Traguardo” in corso Italia 352.

CENTRO PER I MINORI – L’assessore al ramo, Francesco Pisano, spiega le modalità per potervi accedere: «La frequenza sarà garantita per sei ore giornaliere, per sei giorni settimanali, pranzo incluso, ed avrà durata di 11 mesi. Possono presentare domanda i genitori (almeno uno), gli affidatari o i tutori di minori di età compresa tra i 6 ed i 16 anni compiuti, residenti nel Comune di Quarto. In caso di fratelli, la misura potrà essere garantita per uno solo dei minori, salva assegnazione di posti rimasti vacanti. Le domande di ammissione, redatte sul modulo sul sito del Comune, dovranno essere presentate in busta chiusa, pena l’esclusione, a mano o tramite raccomandata A.R., all’Ufficio Protocollo del Comune di Quarto, via Enrico de Nicola 9, entro e non oltre le ore 12.00 del prossimo 18 dicembre».

ALIMENTI PER LE FAMIGLIE IN DIFFICOLTA’ – L’altra importante iniziativa è invece riservata alle famiglie meno  abbienti e riguarda i pacchi alimentari. Così l’assessore Pisano: «Questa amministrazione, nell’ambito della programmazione “Secondo Piano di Zona terza annualità” intende sperimentare tra le misure dell’area contrasto alla povertà il Banco alimentare. Tale servizio consiste nell’erogazione di un pacco al mese per 200 famiglie indigenti di beni alimentari di prima necessità variabili provenienti dalla Comunità Europea. A tal fine sarà inaugurato uno sportello attivo ogni mercoledì dalle 09:00 alle 12:00 presso il Comune di Quarto in via Enrico De Nicola n.9, al quale vi si potrà accedere per informazioni e per l’eventuale ritiro dell’istanza. Mi preme sottolineare, inoltre, che la domanda va presentata previo colloqui con gli assistenti sociali e chi già usufruisce del pacco distribuito dalle comunità parrocchiali di Quarto non potrà beneficiare di quello che distribuirà il comune così come prevede la normativa vigente. Ci saranno controlli incrociati del ministero degli interni. Il servizio sarà attivato nel mese di gennaio ed a coordinare la distribuzione sarà Croce Rossa Italiana».