QUARTO – E’ stato un post pubblicato sui social da un residente di Quarto a dare l’input al gruppo “Cittadini 5 Stelle” per segnalare lo sfruttamento del lavoro in paese. Da qui la lettera indirizzata al sindaco Antonio Sabino affinché vengano presi provvedimenti per far fronte ad un fenomeno ancora dilagante in Italia. «Abbiamo riscontrato diverse segnalazioni di aziende e commercianti di Quarto che sottopagano i propri dipendenti. Dipendenti senza contratto o inquadrati con contratto part-time che lavorano più di 40 ore a settimana e pagati 500 euro al mese», si legge nella prima parte della missiva indirizzata al capo della giunta.

LA RICHIESTA – «Vista la sua sensibilità al tema e ai problemi concreti dei nostri concittadini, le chiediamo di mettere in moto con determinazione e rigore il sistema di controlli coinvolgendo tutte le sigle sindacali e i responsabili degli organi di controllo – incalza il gruppo operativo in paese – . La nostra richiesta oltre a voler difendere i diritti dei nostri concittadini sfruttati ha lo scopo di tutelare tutti i commercianti che tra mille difficoltà portano avanti le loro imprese pagando in modo regolare i propri dipendenti e vedendosi così fortemente penalizzati in un mercato di concorrenza alterato da questa situazione di non legalità». Invocati, dunque, maggiori controlli ai fini di contrastare lo sfruttamento dei lavoratori e il precariato.