QUARTO – Sarà un consiglio comunale “acceso” quello programmato per il prossimo 4 giugno. A tenere banco, ancora una volta, sarà la rotonda di recente adottata dai proprietari di un noto e frequentato centro fitness, lo sport club Anfra.

CHI LA AMA E CHI LA ODIA – Un’opera che subito ha diviso tra detrattori e chi invece ha apprezzato il restyling della piazzola, su cui svetta il logo dell’azienda. A volerci vedere chiaro sono in particolare i consiglieri di opposizione del gruppo che fa capo a Davide Secone, che già nelle scorse settimane aveva mosso non poche critiche circa l’iter seguito per il placet del Comune alla realizzazione dei lavori, nonché alla regolarità della stessa opera sotto più profili. La vicenda è arrivata persino in Prefettura, seppur in maniera indiretta.

LETTERA AL PREFETTO – I gruppi consiliari Un’altra Città e Davide Secone Sindaco, avevano infatti protocollato lo scorso 9 maggio un’interrogazione riguardante «i criteri di autorizzazione a realizzare un manufatto pubblicitario su rotonda di proprietà comunale». Ad oggi, però, la richiesta di inserire l’interrogazione nell’ordine del giorno del prossimo consiglio comunale non ha avuto esito. Da qui la missiva inviata in Prefettura. «Ci è stato detto che ciò è dovuto alla mancanza dei pareri degli uffici competenti – spiega Secone – Ci sembra ridicolo che si cerchino i pareri dopo che è stata realizzata la rotatoria. Dovevano esserci prima dei lavori. Troviamo questo semplicemente pretestuoso. Oppure, avevamo ragione nel sostenere che questa rotatoria non avesse alcuna autorizzazione, ed è in deroga tutti i regolamenti possibili ed immaginabili».

BATTAGLIA IN AULA – Dunque, il prossimo martedì il gruppo che ha sollevato la questione promette battaglia nelle prima fasi dei lavori consiglieri, quelli dedicati alla comunicazioni.