di Alessandro Napolitano

Consiglio comunale dei ragazzi, i baby-candidati presentano il programma
Consiglio comunale dei ragazzi, i baby-candidati presentano il programma

QUARTO – Frequentano la scuola media, hanno tra gli 11 ed i 12 anni e si contenderanno la poltrona di sindaco, in una città che è senza primo cittadino da oltre due anni. Sono i candidati alla guida del Consiglio comunale dei ragazzi, che hanno presentato i loro programmi agli elettori. E cioè ai loro stessi compagni di scuola. Si tratta di Federica Guarino della “Mario Napoli – Don Lorenzo Milani; Antonio Migliaccio dell’istituto comprensivo “Gadda” e Francesca Tummolillo della “Gobetti-De Filippo”.

I PROGRAMMI DEI RAGAZZI – Questi i loro programmi. Federica Guarino: «Mi impegnerò affinché nelle scuole ci siano LÍM e adeguate attrezzature sportive , affinché vengano organizzate gare e corsi pomeridiani nelle palestre. Farò particolare attenzione alla sicurezza fuori e dentro gii istituti scolastici. Per esempio nella mia scuoia c’è bisogno di incrementare l’illuminazione del viale esterno o anche di gestire meglio il traffico di auto e di ragazzi al cancello d’ingresso. Favorirò iniziative che sostengano gli anziani e le persone in difficoltà organizzando non solo collette alimentari ma anche spettacoli semplici e divertenti per regalare loro momenti di svago. Presenterò proposte per creare momenti di aggregazione per i giovani di Quarto come incontri con autori di libri per ragazzi nelle librerie o nelle scuole oppure avviare un progetto di Cineforum. Infine sarà utile aprire una casella di posta elettronica per accogliere e valutare idee e proposte provenienti dai cittadini che conoscono i disagi ma anche le risorse del territorio».

GLI OBIETTIVI – Il programma di Antonio Migliaccio: «Tra i miei obiettivi, vorrei proporre in primo luogo il rifacimento del manto stradale; poi la realizzazione di una pista ciclabile, in modo da dare I’ opportunità ai cittadini di Quarto di andare in bicicletta senza grandi pericoli; ancora una maggiore segnaletica stradale in prossimità delle scuole. Mi piacerebbe inoltre organizzare manifestazioni sportive presso lo stadio comunale di Quarto. Come sappiamo la squadra Calcio Quarto per la Legalità è impegnata anche nella lotta contro la camorra e quindi noi alunni abbiamo il dovere di partecipare attivamente con manifestazioni ed eventi, dimostrando così sul territorio che amiamo il nostro paese e rifiutiamo tutto ciò che è illegale. Vorrei riproporre il progetto per la costruzione di una palestra e di una ludoteca, in modo da accogliere tutti i ragazzi della mia età anche quelli diversamente abili, dando quindi l’opportunità di frequentare un luogo sicuro per lo svago e il divertimento. Sarebbe anche utile una biblioteca pubblica per motivare maggiormente alla lettura i giovani di oggi. Infine ascoltando i miei elettori, proporrei di inserire al!’ interno delie scuole distributori automatici di snack e bevande».

LE PROSPETTIVE – Infine, il programma elettorale di Francesca Tummolillo: «La mia prima proposta è di accogliere la vigilanza fuori dai plessi Gobetti – De Filippo per aumentare la sicurezza di noi alunni e delle insegnanti. Ancora, propongo un punto dì incontrò per giovani e meno giovani, dotato di una ricca biblioteca e un attraente internet point, e, per i più piccoli, una cineteca ludoteca. Per quanto riguarda lo sport, non piacerebbe anche a voi una piscina comunale o magari un palamento dello sport? Oltre alia nostra consueta ora di sciente motorie nella palestra scolastica potremmo infetti recarci a svolgere attività integrative in queste strutture, non troppo distanti dalie nostre scuole. Nel rispetto dell’ambiente in cui viviamo, sarebbe “molto” importante potenziare la raccolta differenziata nelle scuole,organizsando una rete di informazione più capillare g più alla portata di noi ragazzi. Infine, visto che siamo in un territorio ricco di storia e resti archeologici, anche noi ragazzi dobbiamo imparare a rispettare e ad aver cura del nostro patrimonio. Il consiglio comunale precedente ha già sostenuto il progetto archeologico. Gli alunni coinvolti, mittenti di una lettera indirizzata alla Soprintendenza di Napoli e Pompei, hanno ricevuto risposte positive e, dopo qualche giorno, il Comune ha disposto la pulizia del complesso funerario Festina, ora, il mio intento è quello di proseguire su questa strada e coinvolgere più ragazzi possibili, ma soprattutto assicurandomi che il complesso sia pulito periodicamente e sia tenuto in buone condizioni. Nelle scuole è anche importante lavorare con creatività e con la fantasia, per questo, potenzerei I laboratori artistici, musicali, scientifici, creativi di tutti gli istituti». Il futuro sindaco del consiglio comunale dei ragazzi rimarrà in carica per due anni, avrà sei assessori al suo fianco e con lui saranno eletti anche 24 consiglieri.