partoPOZZUOLI – «Oggi è un giorno speciale, ho assistito e collaborato durante il trasporto in ospedale di Pozzuoli alla nascita di un fagottino di nome Francesco Pio. È stata un’esperienza unica ed emozionante. Auguri alla mamma ed al piccolo Francesco».

TUTTO IN POCHI MINUTI – Sono queste le prime parole “a caldo” di Sergio Gambardella, il medico che ha aiutato una donna al nono mese di gravidanza a dare alla luce il piccolo, partorito prima dell’arrivo in ospedale. Roberta, questo il nome della neo-mamma, avrebbe dovuto partorire al Santa Maria delle Grazie. Le contrazioni, però, si sono fatte via via sempre più frequenti. Quando l’albulanza è arrivata a Quarto, dove riseide Roberta, ancora nulla lasciva presagire che di lì a poco avrebbe partorito. Ed invece, lungo i pochi chilometri che la separavano dall’ospedale puteolano, l’ambulanza della Croce Italia area flegrea è stata costretta a fermarsi.

FRANCESCO PIO STA BENE – Assieme all’autista Rosario e all’infermiere Francesco, il dottor Gambardella ha assistito al più incredibile parto che poteva immaginare nella sua carriera. Il piccolo, Francesco Pio, è stato poi visitato in ospedale e sta benissimo. «Aiutare una mamma a partorire in ambulanza è stata un’esperienza emozionante! – ha scritto il medico sulla sua pagina Facebook – E con la collaborazione di Francesco e Rosario abbiamo rallegrato tutto l’ospedale grazie all’arrivo di Francesco Pio. Tanti auguri alla giovane mamma Roberta».