11225976_840124592740677_1142466190_n
Un momento dell’incontro tra commercianti e il sindaco

di Violetta Luongo
POZZUOLI –
Non si arrestano le proteste contro la ZTL di via Napoli. Dopo un mese di fase sperimentale, che aveva messo in allarme residenti e commercianti e a seguito di vari incontri tra gli stessi e il sindaco Vincenzo Figliolia, una nuova protesta è sorta a pochi giorni dall’attivazione ufficiale dei varchi elettronici di Corso Umberto. Lo scorso fine settimana è stato il primo in cui la videosorveglianza ha controllato e multato gli automobilisti non autorizzati e non rispettosi delle fasce orarie, ben mille i multati. Situazione che si è ripercossa sulle attività commerciali. Molti esercenti hanno ammesso una diminuzione del 60 per cento dei loro introiti, con locali mezzi vuoti e clienti “scappati via” per assenza di parcheggi. Per questi motivi un gruppo di commercianti, anche alcuni non direttamente compromessi dalla ZTL, e residenti, sono scesi per strada, fino al Rione Terra e hanno atteso il primo cittadino per un ennesimo incontro. In una sala gremita di Palazzo Migliaresi per un altro confronto con il sindaco Figliolia. C’è chi ha dovuto dimezzare il personale per un calo del fatturato, «se non ci sarà un cambiamento, se continuiamo con questo dispositivo via Napoli sarà un cimitero, chiuderemo uno alla volta – dicono i titolari di pub e locali – si devono creare prima i presupposti, i parcheggi e poi attivare la ZTL».

11256484_840129799406823_191314278_n
La commerciante Tiziana Beccafico

PROLUNGATE L’ORARIO DEL MULTIPIANO – «Il sindaco ci è venuto incontro in minima parte – sottolinea Tiziana Beccafico – i locali sono aperti fino alle due di notte, abbiamo bisogno che il Multipiano resti aperto, dal lunedì al venerdì, almeno fino a quell’ora, perché i clienti scappano via a mezzanotte visto che il parcheggio chiude. Chiediamo che si accelerino i lavori ai due parcheggi, dovevano esser pronti a marzo e anche quelli alla Cava Regia, aree che fornirebbero nuovi posti auto non solo per i residenti ma anche per noi gestori e per il nostro personale». Il sindaco ha confermato che la nuova area della Cava sarà pronta tra tre mesi, e per fine maggio i due a via Napoli, se i tempi dovessero allungarsi si rischierebbe di avere una stagione estiva magra. «Sarei un folle se volessi far male al commercio della mia città – aggiunge il sindaco – anche quando chiusi il centro storico, nel 2001, rendendolo pedonale, ci furono proteste ma ancora oggi gli stessi mi ringraziano e vorrebbero che estendessi la ZTL anche in altre vie. Dobbiamo abituarci ai cambiamenti, sicuramente c’è un problema di parcheggi, ma stiamo cercando di risolverlo».

LE FOTO

[cronacaflegrea_slideshow]