POZZUOLI – Il 31 Dicembre 2017 è decaduto il Nucleo di Valutazione, nominato nel 2014 dal Sindaco Figliolia, ed ancora non si è proceduto all’istituzione del nuovo organismo indipendente di valutazione (OIV), così come deciso dal Consiglio Comunale a Marzo 2018. Attualmente, dunque, l’Amministrazione comunale opera in assenza di un organismo importantissimo che svolge funzioni fondamentali per il buon andamento della macchina amministrativa, come ad esempio: la misurazione e valutazione delle prestazioni dei Dirigenti e del personale, da cui dipende l’erogazione dei premi di produttività, la verifica e controllo del rispetto degli obblighi di trasparenza e dell’integrità dei controlli interni.

LE ACCUSE – «L’inerzia della Giunta su un tema così delicato è inammissibile. – ha dichiarato il Capogruppo del M5S, Antonio Caso – Ricordo che, in sostanza, l’organismo di valutazione garantisce la bontà dei piani delle performance, il controllo sul raggiungimento degli obiettivi da parte dei Dirigenti e del personale, da cui dipende l’erogazione dei premi di risultato, la verifica ed il controllo sul rispetto degli obblighi normativi in tema di trasparenza ed integrità dei controlli interni. Inoltre, da quanto appreso, in seguito ad un’interrogazione al Sindaco, il vecchio nucleo di valutazione sta svolgendo, solo ora e non abbiamo ancora ben capito a che titolo, le valutazioni relative agli anni 2012-2014. In soldoni, i Dirigenti si sono assegnati gli obiettivi ed i premi senza che nessuno finora abbia controllato la bontà dei risultati, ma le responsabilità sono del Sindaco e della Giunta che non hanno proceduto ad istituire l’organismo. Per Figliolia le regole devono valere solo per i cittadini?»

CRITICITA’ – Il collega pentastellato, Domenico Critelli, ha aggiunto: «A Novembre 2015 l’Amministrazione comunale ha ricevuto un’ispezione da parte di funzionari del Ministero dell’Economia e Finanza (MEF), e dalla relazione di verifica amministrativo-contabile, consegnata a Novembre 2016, sono state riscontrate gravi criticità ed irregolarità, tra cui anche quelle relative proprio alle mancate attività di controllo sui piani delle performance e sulla distribuzione dei premi di risultato, che secondo gli ispettori sono stati erogati a pioggia ed in alcuni casi per lo svolgimento delle normali attività lavorative. Il Comune, con enorme ritardo, ha fornito delle controdeduzioni che saranno valutate dal MEF e dalla Corte dei Conti. Sembra che la “lezione” non sia bastata all’amministrazione, vista l’inerzia della Giunta nel procedere all’istituzione dell’OIV ed il ritardo con cui si sta operando sugli anni passati. Chiederemo nuovamente l’intervento del MEF.»