Il maestro d'ascia Antimo Vallozzi
Il maestro d’ascia Antimo Vallozzi

POZZUOLI – Antimo Vallozzi costruisce tipiche imbarcazioni in legno da quando ha sei anni. Prima di andare in pensione vuole realizzare un sogno: costruire l’ultimo gozzo secondo la tradizione puteolana per regalarlo alla città. Vuole regalare a tutti gli abitanti della città la possibilità di trascorrere una giornata in mare con quei tempi lenti di navigazione di una volta. Vuole mostrare che la libertà e i sogni saranno sempre possibili finché ci sarà spazio per credere nel maestro d’ascia che vuole conquistare il suo mare, la sua città, con lo sforzo della sua fantasia.

ULTIMO MAESTRO D’ASCIA – Antimo ha gli occhi duri, il sorriso sarcastico, è uomo d’altri tempi, di altri sentimenti. Nonostante l’asprezza del volto custodisce una purezza e un’innocenza che hanno ispirato la storia di questo viaggio bizzarro. Una città in barca è il racconto poetico dell’ultimo maestro d’ascia che si fa largo come un Don Chisciotte in un mare sempre meno accessibile alle persone, fra imbarcazioni lussuose e moderne. Il sogno di Antimo adesso ha bisogno di fondi: l’acquisto del legno per costruire il gozzo, la produzione e la post-produzione del documentario saranno oggetto nei prossimi mesi di una gara di solidarietà. Per raccogliere fondi e contributi e trovare sponsorship Dario Antonioli ha realizzato un trailer del documentario che verrà caricato nelle prossime settimane sulla pagina http://bizzarremedia.com/portfolio/una-citta-in-barca/. Una città in barca vuole accompagnare Antimo in questo suo sogno e permettere a tutti di vedere i suoi occhi incantati.