mobile_frosinonePOZZUOLI  – Ci sono anche cinque puteolani tra le 15 persone arrestate dalla Squadra mobile di Frosinone e di Napoli nell’ambito di un’operazione antidroga. Le indagini, partite nel 2014, sono state coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli.

I NOMI DEGLI ARRESTATI – In manette sono finiti Vincenzo Aresini, 52 anni; Pietro Cino, 61; Antonio Marfella, 52; Alfredo Marfella, 54 e Leonardo De Santis di 38. Assieme gli altri destinatari delle misure cautelari emesse dal Gip Federica Colucci, devono rispondere di associazione a delinque finalizzata al traffico internazionali di stupefacenti. La droga, importata dall’Olanda, finiva nelle piazze di spaccio tra il basso Lazio e Napoli.

IL “SISTEMA” – Due le organizzazioni sgominate. La prima operava con basi anche in Olanda, dove sfruttava come logistica il ristorante gestito da due fratelli di origine napoletana, affiliati all’organizzazione ed incaricati di tenere i contatti con i fornitori di droga olandesi. L’esercizio commerciale dove si tenevano le riunioni operative e dove veniva stoccato lo stupefacente prima di essere inviato a Napoli, si trova nella città olandese di Den Hague, dove ha sede l’organismo europeo di giustizia Eurojust.