PIETRANGELI_DIANAPOZZUOLI – E’ finita in carcere Diana Pietrangeli, 41 anni, pusher arrestata nel 2010 durante l’operazione “Penelope” e condannata in appello a 6 anni di reclusione. La donna, moglie di Nicola Russo, condannato a 14 anni di carcere, è stata arrestata nella sua abitazione al Rione Toiano dai carabinieri della compagnia di Pozzuoli, in seguito a un ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale di Napoli, e condotta nel carcere femminile di Pozzuoli. La 41enne dovrà scontare una pena di 4 anni e 17 giorni di reclusione per detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti commessa a Pozzuoli tra giugno, luglio e agosto del 2006.

MARITO IN CARCERE – Condannata a 6 anni durante il processo d’appello del processo Penelope, Pietrangeli era ritenuta dagli inquirenti appartenente a un gruppo di spacciatori il cui capo era proprio il marito Nicola, gambizzato nel 2001. La banda era dedita al traffico di cocaina, hashish, crack e altre sostanze stupefacenti nel Rione Toiano.