POZZUOLI – Ha violato così tante volte la sorveglianza speciale che gli si sono aperte di nuovo le porte del carcere. Nei confronti di Mariano Sannino, 32 anni, è stata emessa un’ordinanza di custodia cautelare  – emessa dal Gip del Tribunale di Napoli su richiesta della Procura – per essersene infischiato in più occasioni delle restrizione derivanti dal suo status.

MINACCIA ARMATA – A settembre aveva minacciato una persona impugnando una pistola, facendo scattare l’arresto per violazione degli obblighi della sorveglianza speciale. Non solo. Agli inizia di ottobre era stato notato dalla polizia degli agenti del commissariato di piazza Italo Balbo accompagnarsi ad un pregiudicato nel rione Toiano.

LA PERQUISIZIONE – Dalla perquisizione personale spuntò fuori un microtelefono cellulare, oggetto che non poteva detenere in quanto su di lui gravava anche il divieto di utilizzo di mezzi di comunicazione. In quella occasione il 32enne rimediò 10 mesi 20 giorni di condanna, con l’obbligo di firma. Ora è addirittura scattato il rientro in cella, con l’ordinanza eseguita dalla polizia.