E' moda PozzuoliPOZZUOLI – In una grande cornice di pubblico si è svolta ieri sera in Piazza a Mare a Pozzuoli la diciottesima edizione di “E’ moda…”, organizzato dalla P&P Academy di Anna Paparone con la regia della Clarence Management. Oltre a far registrare il sold out nei posti a sedere, la kermesse è stata seguita da centinaia di cittadini che si sono assiepati lungo il perimetro della zona delimitata per poter applaudire le modelle in passerella e i diversi ospiti d’eccezione.

E' moda PozzuoliUNA DETENUTA IN PASSERELLA – Presentati da Gaetano Gaudiero e Anna Paparone, in piazza hanno sfilato Romeo Gigli Plus uomo-donna, Solo Soprani Couture, Lancetti, Le Chic di Sfiorami di Salvatore Fiorentino, Veronica Guerra, Nicoletta Carneiro e Salvatore Pappacena con le loro ultime collezioni. In passerella anche una detenuta della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli, che ha partecipato di recente all’evento a scopo sociale organizzato sempre dalla P&P Academy nel carcere flegreo, e una ex detenuta che ormai è entrata a far parte a pieno titolo dell’Accademia di Anna Paparone. Nella coloratissima e calda serata, hanno trovato spazio, tra una sfilata e l’altra, le “eccellenze campane” premiate dagli organizzatori.

anna paparoneECCELLENZE – A rubare la scena sono stati in particolare Elisabetta Gregoraci, la bellissima showgirl di “Made in Sud”, e il noto cantante napoletano Sal da Vinci. Il riconoscimento è andato inoltre agli attori Lello Radice e Nicola Coletta, al chirurgo plastico Mario Gioia, al campione di Judo Marco Maddaloni, agli imprenditori Felice Mallardo e Paolo Vitale, all’assessore della Regione Campania Chiara Marciani, all’assessore alla Cultura del Comune di Pozzuoli Alfonso Artiaco. Nel parterre si è notata in particolare la presenza della modella e concorrente di “Pechino Express”, l’adventure-game di Rai 2, Romina Giamminelli, dell’attore Davide Marotta (che ha partecipato tra l’altro all’ultima edizione di “Made in Sud”) e del noto giornalista televisivo Emilio Fede, chiamato sul palco per un saluto. Apprezzata molto anche l’esibizione di Francesco da Vinci, avviato ormai a seguire le orme del padre Sal.