POZZUOLI – Ha schiaffeggiato una dottoressa al Pronto soccorso dell’ospedale Santa Maria delle Grazie e si è poi allontanato per far perdere le sue tracce. I carabinieri del Nucleo Radiomobile di Pozzuoli non hanno impiegato tempo per identificarlo. Si tratta di un 56enne incensurato che ora dovrà rispondere di interruzione di pubblico servizio e aggressione a incaricato di pubblico servizio. I fatti si sono verificati ieri in tarda mattinata; a denunciarlo è stata l’organizzazione no-profit “Nessuno tocchi Ippocrate” che ha poi lanciato un grido d’allarme per contrastare questi episodi di violenza che vedono sempre più spesso i ‘camici bianchi’ come bersaglio. L’uomo, figlio di un paziente ricoverato in ospedale, è stato identificato dai militari dell’Arma e denunciato all’autorità giudiziaria per per aver colpito un pubblico ufficiale. Il 56enne di Pozzuoli è accusato di aver offeso, spintonato e schiaffeggiato il medico che al momento era di turno al pronto soccorso del nosocomio flegreo. Un ‘copione’ sicuramente non nuovo. Sono circa 2.500, infatti, i casi di violenza, aggressione o minaccia ogni anno a danno degli operatori sanitari italiani. Più di 12mila quelli accertati dall’Inail tra il 2016 ed il 2020.