POZZUOLI – E’ uno dei parenti coinvolti nella rissa l’assassino di Alessandro Cristian Amato, il 46enne ucciso con una coltellata ieri pomeriggio in via Pisciarelli. L’uomo, Ciro Iovino, 63 anni, è in stato di fermo per omicidio volontario. In seguito a indagini lampo condotte dai carabinieri della stazione e del nucleo operativo di Pozzuoli sarebbe stato lui a sferrare la coltellata mortale. Fermato nella notte, il presunto omicida è stato condotto nel carcere di Poggioreale.

LA LITE – Le violenze sono nate per motivi condominiali: alla base frizioni per la gestione delle quote e degli spazi comuni all’interno della palazzina di via Pisciarelli dove la vittima viveva con la moglie e i figli. Edificio nel quale abitano anche altri parenti. Dopo una serie di tensioni ieri il tragico epilogo. Almeno sei le persone coinvolte nella rissa, iniziata nel cortile e terminata in strada, davanti a una pizzeria. In tutto quattro persone (tre uomini e una donna) sono finite in ospedale, mentre Amato è morto durante il tragitto verso il pronto soccorso dell’ospedale “San Paolo” di Napoli.