di Gennaro Del Giudice

Il consigliere comunale Filippo Monaco
Il consigliere comunale Filippo Monaco

POZZUOLI – «Se Giacobbe è a conoscenza di “poteri forti” che influenzano la politica lo invito a fare nomi e cognomi e a denunciare tutto alla Magistratura» Dopo la denuncia dell’ex sindaco di Pozzuoli e consigliere regionale uscente, Pasquale Giacobbe, interviene il capogruppo di Forza Italia in consiglio comunale Filippo Monaco che risponde alle accuse contro l’operato dell’opposizione, sulle condizioni di salute di Forza Italia a Pozzuoli e sulla presenza di “poteri forti” in città «Mi dispiace che l’onorevole Giacobbe non sia stato eletto nonostante quello che ha fatto durante il suo mandato elettorale – esordisce Monaco – Sentiremo la sua assenza nel prossimo consiglio regionale. Inoltre mi congratulo e compiaccio con lui che dopo 4 anni si rimbocca le maniche e si schiera contro la politica del territorio. Nasce spontanea la domanda: come mai non lo ha fatto prima? Come mai torna alla carica nonostante la presenza del famoso nipote Guido Iasiello, degno rappresentante in consiglio comunale?»

 

POTERI FORTI DA DENUNCIARE – L’ex candidato a sindaco, sconfitto da Vincenzo Figliolia alle scorse comunali, risponde all’accusa di Giacobbe secondo cui a Pozzuoli ci sarebbero “poteri forti”, nati da un mix tra politici e imprenditori, che in maniera trasversale condizionerebbero la vita politica della città «Di questa cupola – prosegue – ne vengo a sapere attraverso Cronaca Flegrea, a questo punto invito Giacobbe a fare nomi e cognomi e a rivolgersi alla Magistratura». Infine Monaco lancia una stoccata sulla storia di Forza Italia negli ultimi anni «Per quanto riguarda Forza Italia Giacobbe forse non ricorda che nel 2012 il sottoscritto ereditò un partito che veniva da un doppio scioglimento del consiglio comunale, un doppio sconquasso che inevitabilmente condizionò il risultato elettorale ma che mi fece ottenere un lusinghiero 18%. Comunque – conclude Filippo Monaco – voglio dire all’ex onorevole Pasquale Giacobbe che tra pochi giorni arriverà il solstizio d’estate, pertanto lo invito a non stare troppo vicino ai caminetti»