POZZUOLI – “Panchine realizzate con traversine ferroviarie cancerogne per l’uomo”. E’ la denuncia che arriva dall’associazione puteolana DiversaMenteGiovani, che accende i riflettori sull’area di sgambatura per cani inaugurata nei mesi scorsi nel quartiere di Monterusciello. Ebbene in questo luogo -a detta degli attivisti- ci sarebbero seri pericoli per la salute di quanti portano i propri animali a divertirsi. Pericoli derivanti dalla presenza del particolare materiale utilizzato per la realizzazione delle panchine. Un allarme a cui gli attivisti hanno dato seguito con i fatti, “sigillando e sequestrando” le panchine potenzialmente pericolose e lasciando sul posto mascherine e volantini per gli affezionati del parco.

LA DENUNCIA – «Lo spazio pubblico di qualità non è un lusso. La progettazione e la creazione di questi spazi ha molteplici finalità che vanno dal miglioramento dell’ambiente urbano alla creazione di nuove centralità per favorire l’incontro. Luoghi di fondamentale importanza per il benessere della persona il cui ruolo diviene fondamentale nelle periferie, solitamente sprovviste di punti di aggregazione sociale. Tra i luoghi pubblici di qualità assumono grande rilevanza le aree verdi ai fini principalmente della sicurezza pedonale. C’è un’area verde a Pozzuoli che è stata da poco sottratta al degrado e restituita ai cittadini con una nuova funzione. Si tratta dell’area di sgambatura per cani di via Umberto Saba a Monterusciello inaugurata nel settembre di quest’anno, unica proposta che questa Amministrazione è stata capace di cogliere tra le tante idee presentate da noi prima di uscire dal Forum dei Giovani proprio per denunciare l’assoluta mancanza di capacità di dialogo di questa classe dirigente. L’area in questione creata per il benessere dei nostri amici a quattro zampe, ma non meno il nostro, ha riscosso un buon successo che dimostra la necessità di investire in spazi pubblici di qualità. Malauguratamente l’area verde presenta un pericolo per la salute di chi la frequenta. Inspiegabilmente sono state istallate delle panchine realizzate con l’insolito riutilizzo di traversine ferroviarie notoriamente nocive per la salute. Si tratta di una decisione assurda che dimostra la scarsa attenzione con la quale si opera per la riqualificazione del territorio e purtroppo per la sicurezza e la salute dei cittadini».