di Angelo Greco

Le capanne per il birdwatching sono nel degrado più totale
Le capanne per il birdwatching sono nel degrado più totale

POZZUOLI – Il percorso del Lago D’Averno doveva essere, nelle intenzioni dei suoi creatori, il fiore all’occhiello dell’intero Parco del Campi Flegrei. Immerso nel verde le postazioni per il “birdwatching”, avvistamento degli uccelli nel loro ambiente naturale, facevano del suggestivo percorso una un sito appetibile per gli amanti dello studio dei volatili. Oggi le postazioni sono poco più che un ammasso di legna, la torretta alta ha la pavimentazione sfondata, il punto di avvistamento centrale è senza metà tetto mentre la capannina principale è ormai un punto di bivacco più che una punto di avvistamento.

 

 

SICUREZZA E DECORO – Lo stato delle postazioni, dedicato al birdwatching, non è solo un problema di mero decoro in uno dei punti verdi più amati e più vissuti in città ma anche un serio problema di sicurezza. Le capanne in legno oggi sono dei veri pericoli per gli avventori, specialmente i più piccoli. Il legno spesso è marcio, molte assi sono mancanti e quindi il ferirsi è una possibilità non certo remota. Nel caos istituzionale che avvolge il Parco dei Campi Flegrei è difficile pensare ad un intervento repentino.

 

LE FOTO

 

[cronacaflegrea_slideshow]