POZZUOLI – E’ caccia ai due complici di Bruno Iannaccone, il 18enne arrestato l’altro ieri pomeriggio a via Napoli mentre rubava uno scooter parcheggiato nei pressi del lungomare “Sandro Pertini”. Il giovane è stato arrestato da due agenti della Polizia Penitenziaria di Nisida e uno del Commissariato di Pozzuoli tutti liberi dal servizio.

L’ARRESTO – Le fasi d’arresto sono state da vero e proprio film d’azione. I due agenti della penitenziaria, infatti, si erano fermati a una tabaccheria nei pressi dei “Cappuccini” quando hanno visto un motorino con in sella tre persone con i volti travisati da cappelli e sciarpe avvicinarsi nell’area di parcheggio a strisce blu che si trova nei pressi del “Vicienz a mare”. Poco dopo uno dei tre è sceso dal mezzo ed ha forzato il bloccasterzo di uno scooter mentre gli altri due si sono allontanati. A quel punto uno degli agenti gli ha intimato l’alt dopo essersi qualificato tentando di bloccarlo e ingaggiando una colluttazione ma il giovane, dopo aver opposto una viva resistenza, è riuscito ad allontanarsi rapidamente. Poco dopo, grazie al supporto del suo collega e di un poliziotto del Commissariato di Pozzuoli che in quel momento stava passeggiando sul lungomare insieme alla famiglia, sono riusciti a bloccare il 18enne.

LA CACCIA AI COMPLICI – Prima dell’arresto si sono vissuti momenti concitati con il poliziotto puteolano che ha tentato di rincorrere il motorino con a bordo i due complici di Iannaccone. Sul posto sono giunte due volanti dal commissariato di Pozzuoli che hanno portato via il ladro e avviato le indagini per risalire ai fuggitivi. Bruno Iannaccone, con precedenti di polizia, è stato arrestato per rapina impropria, resistenza a Pubblico Ufficiale e lesioni e condotto nel carcere di Poggioreale.