di Violetta Luongo

Il sindaco Figliolia e Monsignor Pascarella tagliano il nastro
Il sindaco Figliolia e Monsignor Pascarella tagliano il nastro

POZZUOLI – «Oggi si scrive una bella pagina della Protezione Civile, questo centro puteolano sarà da modello per l’Italia intera», a dirlo entusiasta il capo nazionale del dipartimento della sicurezza, Franco Gabrielli all’inaugurazione della sede del Centro Operativo Comunale di Protezione Civile, realizzato in via Elio Vittorini 1 a Monterusciello.

COSTATO 150MILA EURO – Una struttura con postazioni fisse dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia e del Cnr con sistemi sismologici in tempo reale per monitorare la situazione vulcanologia italiana e locale. Postazioni di rilevamento attive 24 ore su 24. Un centro di 600 metri quadrati completamente ristrutturata e adeguata alle nuove funzioni: 150 mila euro i fondi comunali investiti. Dodici dipendenti municipali, diretti dall’architetto Franco Alberto De Simone, ai quali si aggiungono 4 tecnici del CNR e 6 dell’Osservatorio Vesuviano.

IN 6 MESI UNA CITTA’ CON VIE DI FUGA – «Con molti sacrifici e poche risorse abbiamo realizzato, con i soli fondi della comunità puteolana, questo centro perché siamo consapevoli di vivere e dover convivere in una terra a rischio – dice il sindaco Vincenzo Figliolia – ci auguriamo in 6 mesi di adattare l’urbanistica ai piani di fuga così da affrontare eventuali pericoli. Entro il 30 novembre approveremo l’ampliamento della zona rossa per mettere in campo azioni di monitoraggio e piani per l’eventuale evacuazione con programmi e prospettive tali da creare una rete con gli altri comuni flegrei».

SICUREZZA COME PRIORITA’ – Al taglio del nastro, vicino al primo cittadino, il vescovo Gennaro Pascarella e l’assessore regionale ai Lavori Pubblici, Edoardo Cosenza che ha illustrato hai presenti la nuova struttura. «Questo centro nasce – aggiunge Franco Gabrielli  –  perché l’amministrazione comunale ha messo al vertice la sicurezza dei cittadini consapevoli di vivere in un territorio complesso, il tutto realizzato con fondi del Comune così da farsi carico e responsabilizzarsi. Questo è un gran bel messaggio per tutto il Paese, i rischi della zona rossa non riguardano solo i Campi Flegrei ma tutto l’Italia, tutta la comunità nazionale deve prendersi carico di tale problematica, la sicurezza è una priorità. Il fatto poi che il sindaco abbia voluto un suo ufficio all’interno di questo centro è un modo ancora di più per far sentire la sua presenza». All’inaugurazione sono interventi anche il direttore dell’Osservatorio Vesuviano Giuseppe De Natale, il direttore dell’Ufficio Rischio sismico e Vulcanico del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile Mauro Rosi, l’assessore al Governo del Territorio del Comune di Pozzuoli Roberto Gerundo.

LE FOTO (di Angelo Greco)

[cronacaflegrea_slideshow]