POZZUOLI – Nuovi guai per Ferdinando Aulitto, 55 anni, detto “capellone”, Ras di Monterusciello. Nei suoi confronti è scattata la misura di prevenzione della sorveglianza speciale per la durata di 3 anni e 6 mesi con obbligo di soggiorno nel comune di Pozzuoli in quanto ritenuto “elemento pericoloso”. Aulitto era stato scarcerato l’11 dicembre scorso (dopo aver scontato 3 anni di reclusione in seguito a un arresto per estorsione ai danni di un commerciante di materiale informatico) rendendosi subito irreperibile. Il Ras, ex fedelissimo del boss Gennaro Longobardi, sarebbe “sparito” dopo tensioni nel quartiere nate da uno scontro con un altro gruppo emergente tra Quarto e Monterusciello.

FERMATO DALLA POLIZIA – E mentre “capellone” scappava dai nemici, nel frattempo a suo carico veniva disposta la sorveglianza speciale, che scattava a partire dal 27 dicembre scorso quando il Tribunale di Napoli – Sezione per l’Applicazione delle Misure di Prevenzione, accoglieva la proposta avanzata dal Questore. Ferdinando Aulitto è stato fermato l’altro ieri dai poliziotti del Commissariato di Pozzuoli che lo ha raggiunto mentre tentava di nascondersi all’interno della sua stessa abitazione.