POZZUOLI – A Pozzuoli prosegue la conta dei danni e dei disagi causati dal maltempo. E intanto le previsioni parlano ancora di piogge e temporali che interesseranno il territorio almeno fino a domani. Nelle ultime ore ‘piovono’ decine e decine di appelli al sindaco della città, così come numerosi sono gli attacchi firmati delle forze di opposizione. A battere i pugni sul tavolo stamane è anche il consigliere comunale Antonio Caso, seduto tra i banchi della minoranza. L’esponente del Movimento Cinque Stelle reclama interventi immediati, come la riapertura in via eccezionale del tunnel di Lucrino, almeno in un senso di marcia, e la messa in sicurezza del muro della casa circondariale per consentire la circolazione in via Pergolesi. «Traffico in tilt in tutta la città dopo oltre 24 ore da un piccolo nubifragio in un’area che, in caso di rischio di eruzione vulcanica, dovrebbe essere evacuata in 72 ore. Non stiamo qui a negare che sia caduta molta pioggia, ma di certo non abbiamo assistito a quei violenti nubifragi visti altrove con più di 100 millimetri di precipitazioni in un’ora», dichiara Caso.

Antonio Caso

L’AFFONDO – Il portavoce dei ‘grillini’ in Consiglio Comunale chiede inoltre all’amministrazione di avviare un’immediata pulizia di caditoie e tombini per evitare che altra pioggia, di modesta entità, possa creare ulteriori disagi. «In gioco ci sono la salute e la sicurezza dei cittadini – tuona Caso – Il sindaco, in questi casi, ha poteri straordinari; li usi». Intanto nei giorni scorsi il primo cittadino di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, ha stabilito il passaggio alla fase operativa di “Attenzione” per rischio idrogeologico. Il passaggio allo stato di attenzione comporta l’attivazione del presidio operativo di Protezione Civile, un costante monitoraggio del territorio e l’attivazione dei contatti con Prefettura e Regione Campania.