DONNARUMMA1 TommasoPOZZUOLI – Era seduto al tavolo di un ristorante come un normalissimo cliente, ma non poteva trovarsi lì. Su di lui, infatti, gravava l’obbligo di rimanere in casa in quanto ristretto agli arresti domiciliari. Nuovi guai per Tommaso Donnarumma, 44 anni, noto gioielliere di Arco Felice che ora si trova nuovamente ai domiciliari in attesa del processo per direttissima. Su di lui l’accusa di evasione. I carabinieri della compagnia di Pozzuoli erano entrati nel ristorante per un controllo di routine, quando uno dei militari ha notato il volto noto di colui conosciuto in città anche come Tommy Watch.

PRESO MENTRE MANGIA – Avvicinatisi all’uomo alle prese con una bistecca di carne chianina, senza dare troppo nell’occhio, i carabinieri gli hanno chiesto se ancora fosse sottoposto alla misura restrittiva. Al silenzio del 44enne è subito seguita una chiamata alla centrale operativa. Da qui è arrivata la conferma: Tommaso Donnarumma non poteva lasciare le mura di casa. «Per la voglia di mangiare una bella bistecca» ha detto il gioielliere ai militari che nel frattempo lo stavano ammanettando. Nel maggio scorso Donnarumma finì ai domiciliari perchè ritenuto un ricettatore di articoli preziosi. In particolare di gioielli portati via a Giugliano nel marzo del 2014 da una banda di rapinatori. Valore del bottino: 250mila euro. Nella stessa operazione finirono in manette altre sei persone, accusate a vario titolo di rapina aggravata e porto e detenzione di armi.