POZZUOLI – Sono due le attività commerciali sulle quali è piovuto un ordine perentorio di cessazione. In entrambi i casi si tratta di provvedimenti dovuti alla mancanza della così detta Scia, vale a dire la segnalazione certificata di inizio attività, documento indispensabile per poter portare avanti la il proprio lavoro da svolgere in pubblico. Nel mirino dell’ufficio Annona del Comune sono finiti un estetista a Lucrino e una pizzeria a Licola. A far scattare l’ordinanza è stato un controllo dei carabinieri dei Nas effettuati tra novembre 2019 e i giorni scorsi.