di Gennaro Del Giudice

Sfilata Moda Carcere (19)
La sfilata nel carcere di Pozzuoli

Dalla cella di un carcere ai riflettori di una passerella, un incubo che si trasforma in un sogno. E un sogno che diventà realtà. E’ quello di Patrizia, 21 anni, di Melito. Sfilare è diventata la sua professione. La sua storia è una favola dei nostri tempi. Appena un anno fa era rinchiusa in una cella per scontare la sua pena, in quel carcere di Pozzuoli che riesce a dare anche una speranza oltre quei finestroni chiusi da grate in acciaio. Oggi quella ragazza è un’eccellenza, il simbolo del riscatto socio-culturale per tutte le ex compagne di cella. Patrizia sabato sera sarà a Pozzuoli per sfilare insieme ad altre due detenute sulla passerella montata ai piedi del Rione Terra, l’antica rocca della città. Lo farà in abito da sposa durante la manifestazione “E’ moda… Pozzuoli”, kermesse giunta alla sua diciassettesima edizione.

 

La conferenza stampa di presentazione di "E' moda...Pozzuoli"
La conferenza stampa di presentazione di “E’ moda…Pozzuoli”

I PROTAGONISTI – «Patrizia ha fatto un anno di portamento in carcere, ha sfilato, è stata notata per la sua bravura e oggi, dopo aver scontato la sua pena è una modella a tutti gli effetti» spiega Anna Paparone a margine della conferenza stampa di presentazione dell’evento che andrà in scena sabato alle ore 20.30, a cui hanno partecipato l’assessore alle politiche sociali del comune di Pozzuoli, Teresa Stellato, la direttrice marketing di caffè “Kamo”Marizia Rubino e la stilista Veronica Guerra. Gli abiti che sfileranno sono di Massimo Sarli, Nino Lettieri, Danila Dubuà, Manuel Artist, Le chic di Cinzia Scozzese, e Veronica Guerra. Ma la serata, che sarà presentata da Anna Paparone, Diego Sanchez e Rajae Bezzaz, sarà animata anche dal Premio “Eccellenze Campane”, che si intersecherà con le performance degli stilisti. Il riconoscimento riservato a quanti si sono contraddistinti nel campo della moda, della cultura, dello sport, della medicina e della politica.