foto generica

POZZUOLI – Ancora anomalie sul concorso per OSS nell’Asl Napoli 2. A denunciarlo è il consigliere regionale dei Verdi Francesco Borrelli, componente della Commissione Sanità, che annuncia una interrogazione per verificare rispetto delle normative sulla mobilità interregionale dei CPS Ostetrica. «Continuano le segnalazioni sulle anomalìe riscontrate nell’espletamento del concorso per Operatori socio sanitari nell’Asl Napoli 2, già al centro di gravissimi episodi di corruzione. Nonostante l’avviso pubblico specificasse che alla graduatoria si accedesse con almeno 21/30 di punteggio, a pochi giorni dall’espletamento delle prove si sono cambiate le carte in tavola, prevedendo una graduatoria chiusa per sole 500 unità. -spiega Borrelli – Essendo la prova articolata in sei giorni, visto il numero elevato di concorrenti, si è creata una disparità inaccettabile tra i primi ad affrontare le prove e gli ultimi che hanno avuto più tempo e modo per regolarsi sulle prove stesse. I punteggi, infine, che uscivano regolarmente il giorno dopo la prova, in seguito alla mia denuncia sono usciti diversi giorni dopo. Chiederò che si vada a fondo su queste ulteriori circostanze per evitare che si siano fatti altri “giochetti” ai danni dei partecipanti». 

LE INDAGINI – «Insieme al Movimento infermieri Campania (Mic &PS) – prosegue Borrelli – chiederemo anche chiarimenti al direttore dell’ Asl Napoli 2, Antonio D’Amore, circa il mancato espletamento della mobilità interregionale per Collaboratore Professionale Sanitario Ostetrica e sulle modalità di reclutamento del personale stesso attraverso altra procedura. L’attenzione sulle modalità di accesso nella sanità campana deve rimanere sempre altissima per evitare che vengano reiterati comportamenti clientelari e truffaldini che in alcun modo sono più tollerabili in Campania».