POZZUOLI – Sospesa l’attività di trivellazione iniziata nei giorni scorsi in via Scarfoglio, ad Agnano, sul territorio comunale di Pozzuoli. Lo stop ai lavori è arrivato questa mattina in seguito a un sopralluogo della Polizia Municipale che ha fermato il cantiere. «Ho sospeso il progetto di trivellazione in corso in via Scarfoglio. Questa mattina la Polizia municipale ha ufficialmente fermato il cantiere. Su questo tema, con la Giunta e con il Consiglio, mi ero già espresso nel 2015, dando parere negativo alla realizzazione di questo impianto geotermico pilota. Ne sono memoria la delibera consiliare 65 del 2015 e la delibera di Giunta 94 dello stesso anno. Ed è in base a queste delibere che ho chiesto ufficialmente all’assessore regionale alle Attività produttive e alla ricerca scientifica, Antonio Marchiello, di revocare anche l’autorizzazione della Regione Campania per tale opera. Provvedimento che sarà completato nelle prossime ore». ha dichiarato il sindaco di Pozzuoli Vincenzo Figliolia.

I TIMORI – «Avevamo espresso parere negativo all’epoca, e lo ribadiamo oggi, per la sicurezza e la salute dei cittadini di Pozzuoli – ha aggiunto il primo cittadino –. Avevamo confermato a più riprese, così come facciamo oggi, di disincentivare l’utilizzo di tecnologie che prevedono scavi profondi e reinezione in pressione del fluido geotermico estratto, per tutelare la comunità residente su questo territorio, coerentemente anche al Piano di Protezione civile previsto per la zona dei Campi Flegrei. Questa terra, così affascinante e vulnerabile va tutelata e non sfruttata, mettendo a rischio la sicurezza di un’intera comunità. Ad oggi, senza alcuna rassicurazione scientifica, per noi il progetto si ferma qui».