l'Assessore allo sport Francesco Fumo
L’Assessore alla Viabilità  Francesco Fumo

di Violetta Luongo
POZZUOLI –
Con l’arrivo delle strisce blu si dice addio a quelle gialle. Numerose le polemiche legate al nuovo “piano sosta” voluto dall’Amministrazione comunale che ha reso Pozzuoli di un solo colore blu, ma la vera novità sarà per i residenti ai quali non saranno più riservati parcheggi. Basta pagare un abbonamento annuo di 80 euro, ossia 20 centesimi al giorno, per poter sostare l’auto dovunque si vuole basta che sia all’interno della striscia blu. «Abbiamo snellito la situazione dei parcheggi – spiega soddisfatto l’assessore alla Viabilità, Franco Fumo – prima il residente poteva parcheggiare solo vicino casa all’interno della striscia gialla, ora con pochi centesimi al giorno potrà parcheggiare ovunque. Si tratta di una grande novità che tutela i puteolani garantendo loro la sicurezza di trovare sempre un posto auto rispetto a chi viene da fuori». Un piano che, se agevola gli abitanti della periferia, non è detto che non faccia infuriare il residente che non pagava nulla per parcheggiare sotto casa.

ARCO FELICE SI OPPONE – Ma se i commercianti hanno voluto fortemente, a detta dell’Assessore, che fossero imposte le strisce blu davanti ai loro negozi, così da garantire un viavai di eventuali clienti, ci sono alcune zone in cui i residenti si sono opposti: in via I Traversa Miliscola ad Arco Felice una protesta impedì che le strisce fossero delimitate, «è stato un grave errore – aggiunge Fumo – perché lì a breve verranno intensificati i controlli della polizia Municipale, sarà difficile trovare un posto senza pagare il grattino e in quel quartiere, senza la tutela delle strisce, potranno parcheggiare anche persone provenienti da fuori e i residenti perderanno la garanzia del posto auto».

ZONE BLU ANCHE DOVE ERA VIETATO – Per chi non vorrà l’abbonamento, un euro all’ora per parcheggiare da via Solfatara fino a Lucrino passando per il centro storico, sono ormai poche le zone non delimitate dalle strisce, tinteggiate anche laddove prima era vietato sostare. Cosa che ha fatto arrabbiare molti cittadini ai quali l’Assessore Fumo chiarisce: «Via del Carmine, essendo a senso unico, prima di curve, prevede la possibilità di avere su entrambi i lati le strisce basta non restringere la carreggiata e garantire il passaggio delle vetture. Ci sono più automobili che posti, è stato un modo per garantire ulteriori zone sosta».